Titolo: IL CORPO ECOLOGICO:  Dalla sedentarietà a una mobilità istintiva
Quando: 18.05.2018 - 20.05.2018
Dove: Spazio Continuum - Milano
Categoria: Workshop
Evento Facebook:
Consiglia:

IL CORPO ECOLOGICO: 

Dalla sedentarietà a una mobilità istintiva. Dalla radice dei nostri piedi allo spazio fisico e sociale.

WORKSHOP E JAM 

Milano, Italia 18-20 Maggio
 

Come ci influenza fisicamente il nostro contesto?In che modo le forze meccaniche della nostra vita quotidiana influiscono sul nostro corpo? Come ci influenzano le nostre abitudini quotidiane (ore seduti, i nostri vestiti, il pavimento su cui camminiamo, ecc.)?

Il nostro passato evolutivo ci ha lasciato in eredità un corpo che si nutre del movimento. Questo bisogno è cosi essenziale per la nostra vita come il cibo e l’ossigeno. Il workshop darà spunti per transitare da un contesto che tende alla passività e all’inerzia per arrivare a una mobilità istintiva ed integrale. 

Lo scopo è quello d’incorporare alla nostra vita quotidiana movimenti che sono essenziali per il nostro corpo (accovacciarsi,  appendersi, respingere, sollevare e caricare pesi, cosi come camminare, correre, saltare, cambiare livelli, ecc.). Per dopo integrarli a qualsiasi tipo di disciplina fisica quale la danza, la contact improvisation, le arti marziali ed/o il tango. 

Allo stesso tempo introdurremo spunti per meglio intendere come certe dinamiche appartengano non solo a queste discipline ma anche a qualsiasi tipo di movimento realizzato con efficienza energetica e nel rispetto dell'ecologia del nostro corpo. 

Questa combinazione aperta non si limita ad uno stile dato, ma conferisce una libertà di movimento che espande le nostre possibilità di espressione con la nostra complicità creativa. 

Il Corpo Ecologico rappresenta una contaminazione fluida fra la danza e la biomeccanica, la somatica e l’ecologia. Questa pratica non si limita ad uno stile dato, e ricerca una libertà di movimento che espande le nostre possibilità creative e di espressione.

Essa offre l'opportunità di approfondire la comprensione dei nostri corpi, il nostro rapporto fisico con la società in cui viviamo, e la natura.

 

OBIETTIVI:

- prenderemo consapevolezza delle possibilità e dei limiti del nostro presente corporeo

- riconoscimento dei nostri piedi: struttura, possibilità di movimento e limitazioni dovute al contesto (calzature, tipo di superficie, comportamenti)

- da soli o in coppia, svilupperemo armonicamente movimenti essenziali per la nostra natura (sollevare, appendersi, spingere, tirare, scendere a terra, accovacciarsi, ecc.) per integrarli facilmente nella nostra vita quotidiana

- rafforzeremo i nostri riflessi istintuali, e li riconcilieremo con i limiti del nostro disegno strutturale anatomico

- amplieremo la percezione sottile del nostro sistema sensoriale e motorio attraverso il tocco, il respiro, il rallentamento e la combinazione di tensione e rilassamento, radicamento e leggerezza.

- approfondiremo il flusso del movimento tra diversi livelli unendo rotolamenti, spirali, il lavoro a terra fino ad arrivare all’asse in una gamba,

- svilupperemo diverse organizzazioni del corpo attraverso l’espansione della nostra immaginazione fisica,

- svilupperemo un metodo “ecologico” riguardo all’uso della nostra energia e delle nostre risorse

- ci impadroniremo dei nostri corpi rafforzando la nostra percezione sensoriale e la nostra connessione empatica con gli altri, in duo, trio e in gruppi.

 

PER CHI:

Questo workshop è aperto a persone di tutte le esperienze, interessate nel processo di creazione fisica come percorso di conoscenza, di guarigione, di comunicazione e di arricchimento personale.

 

GIORNI e ORARI: 

Venerdì 18 Maggio: 19:30-21:30

Sabato 19: 11-13.30 e 14.30-18.00hrs

Domenica 20: 11-14.30hrs

 

COSTO: 85E fino al 6 Maggio/ 100E dopo. Sconto per studenti e disoccupati

INFO:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.   (quando in Italia: 3331623932)/ WhatsApp +49 17621452059

LUOGO: Spazio Continuumvia Stendhal 43, Milano (fermata Metro linea 2 Sant’Agostino + tram 14, bus 50,90,91), citofono Spazio Continuum >INGRESSO DAL PASSO CARRAIO!

 

Facebook:  https://www.facebook.com/events/1617252275048922/  

JAVIER CURA: Dopo 20 anni di ricerca, sperimentazione e insegnamento, Javier Cura ha sviluppato un approccio metodico al movimento in generale, applicandolo al teatro fisico, arti marziali, Contact Improvisation e tango. In questo sistema è confluita la sua esperienza in diversi campi e forme d’arte, dalle arti visuali al teatro, alla bioenergetica, al movimento somatico e alla linguistica. È stato uno dei creatori del Contact tango, in cui si combinano le possibilità espressive della Contact Improvisation e del tango.

Come performer, coreografo, artista o insegnante lo si ritrova al Fabrik Potsdam Tanztage in Germania, al Festival di teatro Farma Dance, ad Alchemie Tango Praga, al C.I.R.A. di Strasburgo, così come ai Contact Improvisation Festival di Friburgo, Goettingen (Germania), o San Francisco (USA). Ha collaborato con la Libera Università di Berlino (Freie Universität Berlin) a una ricerca sull’espressione nella Contact Improvisation e nel movimento. Si è dedicato a progetti di teatro antropologici e sociali in Italia, Marocco e in Germania. Attualmente lavora nel progetto “Il Corpo Ecologico” in collaborazione con alcuni ricercatori delle Nazione Unite. www.javiercura.net 

 

Videos: 

Underwater contact dance video: https://vimeo.com/246302562

Contact tango video: https://vimeo.com/110580854

Other videoswww.youtube.com/watch?v=q3Py1SiCrco     https://www.youtube.com/watch?v=w-zqASLdktg  www.youtube.com/watch?v=lts3nIA0rmg 

www.youtube.com/watch?v=nM575qk7l2U  www.youtube.com/watch?v=elW1hxzzZDc https://www.youtube.com/watch?v=eFejqW6DlVo&t=3s 

Sede


Contatto : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. (quando in Italia: 3331623932)/ WhatsApp +49 17621452059
Luogo:Spazio Continuum
Via:via Stendhal, 43
CAP:20144
Città:Milano
Provincia:MI
Sito:
Facebook sede: -
Descrizione
Mappa

indietro