Cos'è la Danceability

La Danceability e una tecnica di danza che si rivolge a tutte le persone, con o senza disabilità. E’ stata fondata negli Stati Uniti all’inizio degli anni ’90 da Alito Alessi, danzatore di Contact Improvisation e coreografo.

Il suo scopo è quello di rendere accessibile il linguaggio della danza a tutte le persone interessate, senza preclusioni di età, di esperienza o di condizione fisica e mentale. L’incontro tra differenti abilità è la sua prerogativa; tutti possono fare nuove e diverse esperienze delle proprie abilità (o disabilità) nel muoversi con gli altri, andando oltre i limiti a cui si è abituati.

La danza si sviluppa attraverso la tecnica dell’improvvisazione, basata sulla consapevolezza di sé, sulla relazione e sulla fiducia reciproca; ciascun partecipante è invitato a mettersi in gioco nella danza attraverso scelte autonome di movimento.
Tutti possono partecipare a questa ricerca, qualunque sia il livello di esperienza e/o di disabilità: persone con handicap motorio, disabili intellettivi medio/lievi, non/ipo vedenti, non/ipo udenti, persone Down, danzatori, attori, operatori, insegnanti di sostegno e non, ecc. In particolare le persone che operano nel campo dell'handicap, possono acquisire nuovi stimoli e metodi di cui poter usufruire nel proprio lavoro.

Gli obiettivi della Danceability sono:
  • Dare opportunità di espressione artistica a tutte le persone.
  • Aiutare a sradicare pregiudizi che sia abili che disabili hanno l’uno rispetto all’altro.
  • Porsi come canale che favorisca relazioni autentiche tra tutte le persone.
  • Rendere partecipi le persone con disabilità alla vita culturale della comunità e alla realizzazione di eventi artistici.